– Non lo capite! Ma com’è che non lo capite! L’ho pagato quindici euro, quest’aggeggio. N’orologio? Macchè!
I passanti lo osservano distratti, chi incuriosito da quel sermone non autorizzato, chi diffidente.
– Mi misura persino la pressione del sangue, cazzo! E ce l’ho a mille, oggi. Mi dice quanti passi ho fatto e quanti chilometri, e quante calorie ho bruciato! Come cazzo fate a non capirlo?
Lorenzo parla dall’ingresso del castello, dove si tiene un convegno del Politecnico sulle nuove frontiere della rete 5G.
Interviene un uomo tarchiato della security, gli chiede di seguirlo, ne forza un po’ la resistenza tirandolo per la manica. Lorenzo continua ad urlare, tanto più forte man mano che viene trascinato lontano dal portone di accesso, brulicante di curiosi e di ricercatori dell’università: suoi ex-colleghi, prima che lui sprofondasse in quel baratro di sospetti e complotti, abdicando alla borsa di studio per delle vistose borse sotto gli occhi.
– Ce li vendono per du’ spiccioli perché ci vogliono controllare tutti. Ci tengono d’occhio. Tu, ad esempio – indicando un visitatore in compagnia della famiglia – scommetto che ieri sei stato con la tua amante. Google lo saaaa. Pensi di fargliela, a quelli? Eh?
Il tizio corpulento della vigilanza riesce a trasportarlo in una sala isolata, una decina di gradini sotto il livello stradale.
– Nelle segrete, mi rinchiudete! Ma gli stregoni sono loro, non iooo. Un giorno mi darete ragione, ma sarà troppo tardi.
Stunf. Il tonfo di un grosso portone di legno che si chiude.
– Passo a prenderti fra ‘na mezz’oretta, vediamo se ti sei dato una calmata. – Bisbiglia l’agente di sicurezza, rude. La sua voce a malapena attraversa le pareti spesse di roccia e fantasmi. Quella di Lorenzo, intanto, si è spenta in un lamento ottuso.

 

Uno scritto di  Manlio Ranieri, nel corso di scrittura on line e interattivo Magiche Fantastiche Tasche, condotto da Antonella Petrera per Colori Vivaci Magazine.

CINQUE PIÙ UNO SENSI VIVACI, CORSO DI SCRITTURA ONLINE

Total
11
Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*