©Annalisa Falcicchio
Gallipoli

Il mare appena svegli

è quello che desidero.

Incontrarsi tra pochi:

io, le onde, il profumo,

gente che non ha interesse

a gridare o vociare.

Il mare appena svegli

è quel mare che parla

di minuti che si dilatano

in un respiro saporito.

Ritrovo tutto quello

che non ho incontrato

e posso fare movimenti

al di là del sedersi

e camminare.

Il tallone affonda

lento nei granelli,

uno dopo l’altro,

e le gambe

si ricompongono

nelle loro ossa.

Il collo gira sicuro,

le narici si arrotondano,

le dita si accavallano

nell’aria

che qua e là

sfreccia carezze

sulle labbra,

sull’iride,

sull’anca comoda

senza elastici

a strozzo.

Il mare appena svegli

è quello che desidero

e non ha niente

a che fare

con quel tuo frenetico

arrivare sdraiato, nuotato,

abbronzato, bagnato, asciutto,

ancor prima che

il mare

si accorga di te.

Il mare appena svegli

è quello che desidero

per allontanarmi e

non fuggire

da te

e da quelli come te

che inquinano il sale

con tutto quello

zucchero

industriale.

Testo di Anna de Romita. Foto di Annalisa Falcicchio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*