Posteshop



 

Fjögur píanó di Alma Har’el è la definitiva consacrazione del videoclip come territorio privilegiato per il cinema sperimentale e la videoarte.

Lo spartito rarefatto dei Sigur Ròs, privo di una ritmica esplicita da rispettare, permette all’israeliana Har’el (notevole anche il suo Elephant Gun per i Beirut) un’ariosità di montaggio anni-luce lontana dalle frenesie della cinemusica contemporanea. La sublime, trasognata interpretazione dei due protagonisti, corpi danzanti in esilio dal resto dell’universo, una scenografia e un’“oggettistica” genialmente in bilico tra concreto e surreale, una narrazione prigioniera di un ciclico destino: tutto questo rende Fjögur píanó uno dei più importanti videoclip degli ultimi anni.

Buona visione e buon ascolto.

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*