Una fuga che diventa inseguimento di un sogno, seminando gli inseguitori che vogliono spegnerci. Restiamo accesi.

La storia della luce tenace comincia dentro la lucciola nel bicchiere. Il figlio del cuoco l’aveva catturata a pomeriggio. La lucciola stava per spegnersi, e così la luce tenace, con un volo fulmineo, andò ad aggrapparsi allo stoppino della candela. A quel punto lo scrivano aveva gli occhi stanchi. Chiuse il manoscritto, percorse il corridoio, entrò nella sua cella, e si mise a letto pronto per un intenso riposo. Ffffffffff. La luce tenace guizzò allora dalla finestra, e acciuffò la lanterna del cacciatore. Attraversò il bosco insieme a lui, che una volta arrivato a casa lasciò la lanterna appesa all’uncino sull’uscio. Ffffffff. Prima che la porta chiudesse il suo spiraglio la luce tenace si tuffò nel caminetto, e si unì al fuoco. Il fuoco rimase acceso fino all’alba, e proprio quando l’ultima fiammella stava per spegnersi, la luce tenace udì fischiettare al lampionaio la sua canzone, e fece giusto in tempo a saltare dal camino nella lucerna del lampione, e prima che quello strano cappuccio metallico la spegnesse, cominciò una lenta fuga di lampione in lampione, con il rischio di essere spenta dal lampionaio. Era l’alba, ormai, e la sua corsa si interruppe quando si tuffò nel lampadario del teatro oltre la piazza. “Ciao, Faro!” disse al suo amico prima di spiccare il salto in teatro.  La cantante lirica ci mise tutta la mattina e tutta la sera, tra le prove e la prima. La luce tenace, intanto, aveva deciso di fare un salto importante. Prima che il custode spegnesse il lampadario fuggì via e passò di nuovo di lampione in lampione e procedette sul lungomare. Il suo salto era ambizioso. Lei non era nata per spegnersi. Non le importava di sparire nel tentativo di rimanere accesa per sempre. Doveva tentare. Così, dall’ultimo palo del lungomare spiccò un salto che le costò quasi tutta l’anima, ma si tuffò nel vulcano in riva al mare, per sostare nella luce del magma. Chiese al vulcano di lanciarla in alto fino al cielo, con una esplosione potentissima. In cielo, la luce tenace abita ancora adesso, accesa per sempre. Nella stella più brillante di tutte.

di Antonella Petrera
per Buonanotteaisognatori
illustrazione Gaia Miacola

Articoli simili
comments0 td_mvc384

comments0 td_mvc458

COMMENTI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Utilizza, anche cookie di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookie Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi