Il kintsugi è quella pratica orientale di riparare vasi in ceramica con i metalli preziosi. Le crepe che dividono i pezzi rotti di un vaso vanno a formare un intreccio di linee dorate unico e irripetibile. Lo scopo di quest’arte non è quello di nascondere le crepe, ma quello di metterle più in luce possibile. Ogni rottura è diversa dall’altra. E di conseguenza ogni decoro lo sarà. Questa pratica possiede in sè una meravigliosa similitudine con la vita umana.
Che succede quando a rompersi è una persona? Nella storia di Hugo Cabret viene detta una frase molto intensa.

“Se perdi il tuo scopo è come se fossi rotto”.

Sono molti i modi in cui ci si può rompere.
Il cuore, comunemente, va in frantumi.
Può cadere via un pezzo di noi e lasciare un vuoto.
Può esserci solo un graffio o una scalfittura.
Ogni rottura è del tutto personale. E anche quando ci si rompe per gli stessi motivi, le crepe non frangono mai gli stessi punti per tutti. Non fanno mai lo stesso percorso.
Secondo questa filosofia la vita è proprio fatta di una alternanza tra integrità e rotture.
La vita ha deciso dove rompere e noi allora decidiamo come riparare.
A questo punto qual è un decoro perfetto?
Quello che non cancella.
Quello che non vuole nascondere.
Quello che tiene conto di ciò che accade,
asseconda l’avvenuta rottura e ristruttura.
Quello che dopo ci porta luce.
Possiamo essere delle opere d’arte anche noi, una volta rotti.
E certi di noi possono diventare delle opere d’arte solo e solo DOPO essersi rotti.
La bellezza che ci caratterizzerà poi sarà necessariamente superiore.
Nel procedimento del kintsugi ciò che tiene insieme i pezzi franti è una lacca vegetale.
È il dentro di un albero.
Cosa ci lega al dentro delle cose?
Al dentro delle relazioni, al dentro del Pianeta?
La fase successiva nella pratica orientale è quella di distribuire le polveri preziose sui tratti delle crepe unite dalla lacca.
Che tipo di lavoro è questo?
Conferire splendore alle cicatrici.
Andarne fieri. Non avere timore a mostrarle. Farci la pace e non considerarle bruttezza, ma appartenenza. Allo stesso tempo evitare di ostentarle. Non è elegante.
Quando ci rompiamo, allora, o quando vediamo qualcuno che lo sta facendo, forse è il caso di pensare a quale metallo prezioso presto vedremo scintillare in quella vita.
Scrutiamolo da lontano. Attendiamolo. Desideriamolo. Procuriamocelo.
Semplici cicatrici possono diventare fantasticatrici.

Per consulenza chiama 3475226460, oppure scrivi qui.
Se vuoi puoi seguire anche la mia pagina FB, iscriverti a questo gruppo e senz’altro seguire Colori Vivaci Magazine!

foto: mordicai

Articoli simili
comments0 td_mvc618

comments0 td_mvc561

COMMENTI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Utilizza, anche cookie di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookie Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi