Caro mondo, stiamo messi malino.

Quanto odio, impotenza, può contenere la bussola impazzita del cuore dell’uomo?

Gettati qui  sulla terra, in epoche diverse, in posti diversi, da chissà quali fortune e sfortune, è difficile, arduo, complesso, trovare la sottile linea rossa.

Di guerre, privazioni, di silenzi e sangue, di esclusioni e umiliazioni in ogni dove del mondo, in ogni punto del nostro specchio in consapevolezza.

Che ruolo abbiamo? Possiamo intervenire? Possiamo dare il nostro contributo? Possiamo alimentare la speranza nella comprensione, nella sensibilizzazione, nella condivisione.

La mostra fotografica World Press ci porta il mondo in un sala di una città occidentale e a mala pena deglutiamo per tanto dolore nella finestra della fotografia.

Ma ogni giorno ci piovono addosso ingiustizie  e noi nella palestra dell’indifferenza siamo agili e scaltri nello schivare il dolore.

Dolore? Ah brutta roba, meglio la pizzeria, le scarpe nuove, il beauty-case.

L’introspezione? Naaa, meglio, andare, venire, apparire.

Fermiamoci.

Guardiamo gli occhi della gente, i nostri stessi occhi, guardiamo il dolore, prestiamo attenzione.

Non passa anche se scivola. C’è.

Annalisa Falcicchio

Articoli simili
COMMENTI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Utilizza, anche cookie di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookie Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi