Dove vado ogni notte?
Dove sostengo il mio stesso sguardo senza paura alcuna?
Dove mi riconosco?
Dove ho inghiottito i miei stessi sputi destinati ad altri?
Dove? Mi chiedo dove ho assorbito la ferita?
Dove spumeggia il fluido di vita ai bordi della mia pelle?
E la carne dove รจ piรน calda e perchรฉ?
Sono mille e settecento i motivi per cui sono viva, ma generalmente me ne ricordo solo tre o quattro.
Sciatta di memoria nonostante la ginnastica quotidiana del cuore io ricordo il vino e i viaggi da cui mai sono tornata.
Ricordo il tuo sorriso quando รจ a forma di V e i tuoi occhi che si eccitano di cespugli selvatici e di bianchi rumori del mondo.
Alla ricerca di questa presenza ingombrante del mio io sempre vergine e scostante, mi separo dal mondo quando diventa pesante, quando diventa eco di una sola voce.
Io vado a caccia di raritร .
Solo i rari non mi disgustano e ogni qual volta una banalitร  cade dallโ€™albero e vedo raccoglierne un frutto mi scoppia unโ€™arteria e fatico a curarla.
Non so se la mia รจ una condanna, mi chiamo Anna.

๐“‰e๐“ˆ๐“‰o ๐’น๐’พ ๐’œ๐“ƒ๐“ƒ๐’ถ๐“๐’พ๐“ˆ๐’ถ F๐’ถ๐“๐’ธ๐’พ๐’ธ๐’ธ๐’ฝ๐’พo

Fo๐“‰og๐“‡๐’ถ๐’ป๐’พ๐’ถ ๐’น๐’พ Ro๐“ˆ๐’ถ B๐’ถ๐“ˆ๐“Š๐“‡๐“‰o

 

ย I nostri laboratori in partenza, clicca sul gruppo:

ScriviVivace

FotografaVivace

Disegno e pittura in diretta a cura di Grazia Salierno

IngleseVivaceย ย 

Inglese in pillole

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarร  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*