Una ricerca pubblicata sulla rivista Neurology da Robert Wilson della Rush University Medical Center in Chicago conferma che la scrittura e la lettura contribuiscono alla longevità e al funzionamento corretto del cervello.

Lo studioso ha seguito 294 individui per svariati anni fino alla morte.

Inoltre i ricercatori hanno anche analizzato il cervello di ciascun partecipante, una volta deceduto, alla ricerca di segni anatomici di demenza o danni neurali.

E’ emerso che coloro che avevano coltivato la passione per la lettura e per la scrittura sin dalla tenera età avevano una mente più ‘giovane’ e fresca rispetto a quella dei coetanei che non si sono dedicati a questi passatempi.

 

COMMENTI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Utilizza, anche cookie di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookie Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi