Canti orfici

I. LA NOTTE Ricordo una vecchia città, rossa di mura e turrita, arsa su la pianura sterminata nell’Agosto torrido, con il lontano refrigerio di colline verdi e molli sullo sfondo. Archi…
Visualizza Post

Estate

  The night you slept Anche la notte ti somiglia, la notte remota che piange muta, dentro il cuore profondo, e le stelle passano stanche. Una guancia tocca una guancia;…
Visualizza Post

Pelle

Sfrigola pelle D’ansie fatte pizzichi Diffusi nell’oscuro S’un corpo bacato. Basterebbe un attimo A squarciare epidermide E liberare una vita Già paga d’onori Ma sopraffatta d’oneri Testo e fotografia di…
Visualizza Post

Balene

  La cassa toracica dell’autunno schiaccia le vertebre   Le pupille diaframmatiche del dolore spalancano respiri annegati e poi portati all’aria   Boccate che ti fanno sopravvivere e ancora giù…
Visualizza Post

Le strade senza nome

Ricordi, quand’eravamo felici, quanto eravamo felici? Eravamo rossi dappertutto sullo sfondo dei rami ritorti dell’albero della vita, sul bianco sacrificato all’altare della mia verginità emotiva e smacchiato dalle alchimie d’un…
Visualizza Post