Content

Content

Inauguriamo oggi una rubrica settimanale, in cui la nostra redazione andrà a scavare fra le novità proposte dal panorama musicale italiano e straniero. Vi proporremo ciò che ci è piaciuto, ciò che riterremo interessante, non necessariamente in “ordine di apparizione”.
Può darsi che si tratti, insomma, di canzoni pubblicate sei mesi fa, di cui ci siamo accorti solo oggi, oppure di brani dello scorso secolo a cui vogliamo dare nuovo lustro, così come ci sarà musica freschissima di pubblicazione.
Ci va di seguire l’istinto, piuttosto che una regola precisa, nella speranza di riuscire a trasmettervi emozioni, più che notizie.
Potete cliccare sul link del titolo per andare all’album su Spotify, oppure vedere il video incorporato nell’articolo. Buon ascolto.

Giorgio Canali: Venti
Ecco, per l’appunto Canali non è esattamente un “novellino”, ma non ditegli mai che rappresenta un “pezzo di storia” della musica italiana, perché la sua risposta – invariabile – sarà: “pezzo di storia ci sarai tu!”.
Eppure la sua musica è intrisa di tutto quel che è stata la sua carriera: CCCP, CSI, produttore di Litfiba, Le luci della centrale elettrica, Tre allegri ragazzi morti e tanti altri. Forse, proprio per questo, il suo ultimo album – fresco di stampa – non brilla particolarmente per originalià, ma è carico di emozioni di tutti i tipi: andiamo dalla nostalgia combattente di questa “Eravamo noi” che vi proponiamo qui alla rabbia nichilista, passando per le pene d’amore che lui chiama da sempre “canzoni di merda con la pioggia dentro”.

Model child: Dropout
Dropout è l’album di esordio di questo giovanissimo artista, molto interessante: in bilico fra il più classico indie-rock e soluzioni elettroniche più moderne, nella foto di copertina sfoggia una cresta punk appena accennata e fiori bianchi su fondo nero, forse a sottolineare le due attitudini che emergono in questo disco: energia e toni cupi. Interessante, da seguire con attenzione.

Grandson: Death of an optimist
Dopo una sequela infinita di EP, singoli e collaborazioni, è arrivato il momento dell’album di debutto anche per il canadese Grandson, una delle voci più interessanti del panorama alternative nordamericano. Elettronica, chitarre e una particolarissima timbrica un po’ nasale rendono Grandson unico e interessante.

Lamine: Non esisti
Uscito il 2 ottobre, “Non esisti” è il nuovo singolo di Lamine, un’artista molto cara a noi di Colori Vivaci Magazine. L’abbiamo vista debuttare sui palchi di Roma, abbiamo tifato per lei nella lunga strada che l’ha portata alla vittoria del Premio De Andrè e poi alla finale del contest 1° maggio Next. Fidatevi.



Manlio Ranieri

 

 

 

In copertina: Lamine, Non esisti


Total
1
Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*