Dopo la preside “ecosostenibile” Maria De Biase, un nuovo ospite virtuoso a Sammichele di Bari
Il META – Mercato della Terra e delle Arti è un esempio unico di mercato contadino in Puglia:
organizzato dal 2012 dall’associazione AGRIcultura a Sammichele di Bari il secondo e quarto
sabato di ogni mese, nel giardino del Castello Caracciolo, nel cuore del centro storico.
Protagonisti e organizzatori del mercato sono i produttori locali con i loro prodotti biologici
o a garanzia partecipata, coltivati nel rispetto dell’ambiente e dell’uomo.
Questo il principio ispiratore del META, insieme al riuso e al riciclo: i “carretti” espositivi dei
produttori sono vecchie porte e ruote di bicicletta, recuperate e rinate in nuove forme; gli artisti e
artigiani ospiti hanno fatto del recupero dei materiali di scarto e dell’ecosostenibilità il loro credo,
che condividono con gli ospiti di questo mercato speciale.
Il META è tutto questo, ma anche di più: è anche un Pub Contadino dove degustare i prodotti del
Mercato della terra, luogo di gioco e crescita per i più piccoli ai quali sono dedicate le attività di
“Tutti giù per terra”, casa per gli artisti, laboratorio di buone pratiche a cielo aperto, occasione per
scambi di idee e imperdibili incontri.
Nasce così DOC – in Direzione Ostinata e Contraria, il ciclo di incontri su consumo critico,
economia solidale e rispetto per l’ambiente, organizzato dal META, che il 13 luglio, il 14 settembre
e il 12 ottobre prossimi ospiterà, nella cornice del Giardino di Castello Caracciolo a Sammichele di
Bari, alcune autorevoli voci italiane in questo campo.
Durante il primo incontro dell’8 giugno, il META ha avuto l’onore di ospitare, per la prima volta in
Puglia e in un suggestivo anfiteatro di balle di fieno, la preside Maria De Biase, distintasi per aver
concepito e promosso un modello di scuola ecologica attualmente di riferimento, a difesa della
sostenibilità, della dieta mediterranea, del valore della ruralità e del recupero della lentezza. La De
Biase, infatti, dalla “cattedra” dell’Istituto “Teodoro Gaza” di San Giovanni a Piro, nel Cilento e poi,
a macchia d’olio, negli istituti vicini, ha cominciato a diffondere un nuovo modo di vivere la scuola e
la quotidianità, promuovendo orti sinergici, compostaggio, riciclo dei rifiuti, merende plastic free e
autoprodotte dagli stessi alunni, con i prodotti genuini della terra e i sapori di una volta.
Un personaggio perfettamente in linea con il META, che l’8 giugno ha raccontato la sua esperienza
in direzione ostinata e contraria.
Sarà certamente lo stesso, il 13 luglio, con il ricercatore dell’ISPRA (Istituto Superiore di
Protezione e Ricerca Ambientale) e secondo ospite del DOC, Giulio Vulcano, tra i massimi
esperti di spreco alimentare e di percorsi di innovazione sociale e ambientale dal basso (orti
sinergici, sistemi locali biologici e a garanzia partecipata, come il META).
In particolare, il dialogo con il ricercatore viterbese, atteso per le 20.00 del 13 luglio, verterà su
spreco, sostenibilità e trasformazione dei sistemi alimentari.
"Con il DOC vogliamo promuovere dialoghi alternativi, con voci autorevoli nel campo del consumo
critico: uomini e donne che hanno proceduto in direzione ostinata e contraria, dimostrando in
concreto che un altro modo c'è" commenta l’associazione AGRIcultura, a margine, sottolineando
l’entusiasmo dell’iniziativa e verso gli ospiti che hanno riempito e riempiranno questo spazio di
contenuti e principi.
Raccontarli e leggerli è sicuramente stimolante, ma ascoltarli e interrogarli su “altri modi” di essere
e agire è la vera e grande opportunità offerta dal DOC e dal META.
Insieme a Giulio Vulcano, il prossimo 13 luglio non mancheranno il Mercato della Terra con i
prodotti di stagione, il Pub Contadino, il laboratorio di lettura e sensorialità per bambini,
“Leggiamo la natura”, il workshop di modellazione della ceramica di ZETADESIGN e gli stand
degli artigiani/artisti, Chiodo Fisso e Multifaces Design.
Un evento bello da leggere e raccontare, ma soprattutto da vivere. L’appuntamento è il prossimo
13 luglio, a partire dalle 18, nel giardino di Castello Caracciolo a Sammichele di Bari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*