Si svolgerà a Torino, nel 2015, in concomitanza con l’Expo di Milano, la prima Biennale della Fotografia Italiana, con il patrocinio della Regione Piemonte; chiamerà a raccolta, oltre ai grandi maestri italiani riconosciuti anche all’estero, nuovi talenti della fotografia attivi in diversi ambiti professionali, dal giornalismo alla scienza, dalla moda al design.
Il Curatore sarà Vittorio Sgarbi che così sintetizza: «Lo spirito è quello del Padiglione Italia della Biennale d’Arte di Venezia: raccontare “lo stato della fotografia” nel nostro paese».
Dunque un grande lavoro di catalogazione, ma anche una selezione delle espressioni più autentiche del «fare fotografia» nelle varie aree tematiche e secondo diverse applicazioni tecniche, frutto della selezione di una Commissione di valutazione guidata dallo stesso Sgarbi e composta da Italo Zannier (fotografo e storico della fotografia), Claudio de Polo Saibanti (Presidente della Fratelli Alinari), Beppe Bolchi (fotografo), Giorgio Gregorio Grasso (Istituto Nazionale di Cultura), Giovanni Gastel (fotografo) Massimiliano Liva (Joy, società delegata all’organizzazione), Luca Fabbri (direttore organizzativo).

Prevista in un primo momento nel 2014 negli spazi espositivi delle Officine Grandi Riparazioni di Torino (indisponibili per lavori di ristrutturazione), la Biennale si svolgerà comunque a Torino ma in una sede in via di valutazione d’intesa con la Regione Piemonte, e che sarà comunicata nelle prossime settimane.

Nei giorni scorsi, intanto, si è riunita a Firenze la Commissione selezionatrice incaricata di definire le modalità di partecipazione e i criteri di selezione degli artisti.
Tre le sezioni tematiche : Reportage, Scienza (ricerca), Pittorialismo.

Due, invece, le soluzioni tecnico-applicative: Racconto fotografico (foto libro)  e Fotorea (immagini in libertà), costituita dalle foto provenienti dal mare magnum dei social network e che avrà come titolo «La fotografia come test psicologico proiettivo».

Nella prima Biennale della Fotografia Italiana sono coinvolte le principali associazioni e gli istituti didattici di fotografia che operano in Italia. Le modalità d’iscrizione sono sin da adesso consultabili sul sito www.biennalefotografia.it
Gli artisti selezionati avranno l’opportunità di conferire le loro opere fotografiche negli archivi dei Fratelli Alinari che saranno anche gli editori del catalogo.

La Biennale della Fotografia guarderà anche al mercato nell’idea di mettere in relazione gli artisti con la committenza italiana ed estera; in tal senso, le opere esposte faranno parte del progetto di una mostra collettiva che sarà portata all’estero.

REGOLAMENTO

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*