Mia soltanto è la patria della mia anima. Vi posso entrare senza passaporto e mi sento a casa; essa vede la mia tristezza e la mia solitudine ma non vi sono case: furono distrutte durante la mia infanzia, i loro inquilini volano ora nell’aria in cerca di una casa, vivono nella mia anima.

 

Marc Chagall - Il compleanno 1915, olio su cartone. The Museum of Modern Art, New York. © 2014 Digital Image, The Museum of Modern Art, New York/Scala Firenze. © Chagall
Marc Chagall – Il compleanno
1915, olio su cartone. The Museum of Modern Art, New York. © 2014 Digital Image, The Museum of Modern Art, New York/Scala Firenze. © Chagall

L’autunno di Palazzo Reale inaugura con un grande maestro del Novecento, Marc Chagall. Il percorso allestito dal 17 settembre al 18 gennaio, si apre con il primo quadro realizzato dal pittore di origine russa, Le petit salon del 1908, e ripercorre la produzione dell’artista fino alle monumentali opere risalenti agli anni ’80 del XX secolo.




Il percorso espositivo accosterà spesso per la prima volta opere ancora nelle collezioni degli eredi e talvolta inedite a capolavori provenienti dai maggiori Musei del mondo.

Il tema dell’esposizione è centrato su una nuova interpretazione del linguaggio di Chagall, la cui vena poetica si è andata costruendo nel corso del Novecento attraverso la commistione delle maggiori tradizioni occidentali europee: dall’ originaria cultura ebraica a quella russa, fino all’incontro con la pittura francese delle avanguardie.

Una mostra Comune di Milano – Cultura, Palazzo Reale e Giunti Arte mostre musei

A cura di Meret Meyer e Claudia Zevi in collaborazione con un Comitato Scientifico composto da Michel Draguet, Tamara Karandasheva, Paolo Biscottini, Marcello Massenzio, Ugo Volli.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*