Mercoledì 9 luglio a partire dalle ore 19.30, la Compagnia Fibre Parallele e l’artista Manlio Capaldi incontrano il pubblico presso il Tavli Cafè, nel centro storico di una meravigliosa Bari immersa nell’estate. Un vero e proprio aperitivo culturale nella cornice del centro storico della città che li ha sempre accompagnati nel loro percorso di crescita ed evoluzione artistica.

Bakeca.it
Fibre Parallele nasce a Bari nel 2005. Il nucleo della compagnia è costituito da Licia Lanera e Riccardo Spagnulo. Produce spettacoli che sono presentati in Italia e all’estero. Nel 2011 vince il premio Hystrio-Castel dei Mondi e Licia Lanera è segnalata nella terna Miglior giovane attore/attrice under30 ai Premi Ubu. Nel 2013 ha debuttato il nuovo spettacolo Lo Splendore dei Supplizi, finalista ai premi UBU nelle categorie migliore novità drammaturgica e miglior attore under30.
La collaborazione tra la compagnia e Manlio Capaldi nasce da un profondo rapporto di stima e amicizia fra il gruppo teatrale, sempre impegnato sul fronte della contaminazione dei linguaggi e l’artista, che in passato ha già collaborato con protagonisti del mondo teatrale e poetico-performativo come Maria Fabbri, Luigi Mezzanotte, Edoardo Sanguineti, Fernanda Pivano, Allen Ginsberg, Peter Orlowski, John Giorno e l’ultimo suo intervento l’ha realizzato a New York nel 2012 nel loft di William Burroughs. (www.thebunkernyc.com)
L’estro e la ricerca artistica di Capaldi hanno incontrato il lavoro di Fibre Parallele nell’ideazione e nella creazione del merchandising ufficiale della compagnia: una t-shirt in vari colori e una shopper in tela con impresso il logo ideato da Capaldi. Una perfetta sinergia tutta barese.



La ricerca pittorica di Manlio Capaldi esprime – dice Pietro Marino – la elaborazione di una creatività di ordine concettuale, giocata sul minimalismo di segni la cui metrica italiana si è nutrita anche di esperienze compiute ad Istanbul sulla calligrafia e la miniatura orientali e attraversata da un particolare sistema segnico gestuale fra tracce d’inchiostro, colori , grafemi, e quindi da quel sentimento di appartenenza a quell’universo esistenziale mediterraneo laddove per dirla con Flaiano “ la linea più breve fra due punti è l’arabesco”.
Nel di-segno utilizzato e tratto appunto da un suo inchiostro , appare evidente il palesarsi dell’ idea dell’ attraversamento della superficie acquea nell’ instabilità dei corpi nel passaggio dallo stato aereo a quello liquido , attimo-vertigine immobile ,che è poi evocativo di quella trans-attività sul bilico propria della ricerca teatrale dei Fibre Parallele.
Per l’occasione Fibre Parallele presenterà due piccole performance teatrale dal titolo “L’inappetenza” e “A letto con Magalli” con Angela Calia, Domenico Piscopo, Carla Mancino, Giulia Sangiorgio, Agostino Sanseverino, tutti partecipanti al laboratorio teatrale Agli Antipodi, condotto da Fibre Parallele. Il laboratorio ripartirà ad ottobre e sarà presentato durante l’aperitivo culturale.
Le t-shirt e le shopper ideate da Manlio Capaldi saranno a breve in vendita sul sito www.fibreparallele.it .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*