La macchina sfrecciava per le vie arse di una America italiana.
Le strade di campagna fatte di polvere gialla del sud e ciottoli erano intrise di odore di cactus e agave.
Ad averlo un bicchiere di tequila per dimenticare la paura.
Ad aiutare un fratello ci si può trovare in prigione.
Io mai l’avrei pensato. Sono nato nel cavolo della miseria nera e poi ho superato la guerra, adesso mi tocca la galera.
Ecco, perché al mondo la libertà è sacra. Niente e nessuno ci deve far sognare di uccidere qualcuno per poter essere liberi, d’amare, d’andare, d’agire.
Ritrovarmi nella prigione di massima sicurezza per aver agevolato e coperto un omicidio, non è come commetterlo ma è grave lo stesso.
Il marchio di prigioniero del mondo me lo porterò sempre addosso, dovrei imparare a scrivere lettere per farmi perdonare da quella povera bestia di mia moglie tradita e umiliata da quando è nata, da me soprattutto, e dai miei figli piccoli, che chissà quali cicatrici si porteranno per sempre addosso e se avranno dei figli, pure loro erediteranno questa maledetta ferita.
Forse la abbelliranno di polvere d’oro.
testo di Annalisa Falcicchio per Vivaci Maledetti, corso di scrittura online di Colori Vivaci
entra in Scrivi Vivace per informazioni su tutti i corsi online oppure invia una mail a colorivivacimagazine@gmail.com

© 1896 Edvard Munch (Norwegian, 1863-1944)

printed by Auguste Clot (French, 1858-1936)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*