Il secondo periodo di esposizione della IV Edizione di ROMA IN CENTO CENTIMETRIQUADRI, organizzata da Spazio 40 Galleria d’arte in collaborazione con EPM Roma, ProGetti Smarriti e Cristina Rubinetterie, si terrà presso lo Show Room EPM di Piazza S. Salvatore in Lauro 3 a Roma dal 12 al 25 luglio 2018.

Alla Rassegna partecipano 52 artisti, italiani e stranieri. Il vernissage si terrà giovedì 12 luglio dalle 19:00 alle 21:00. La Mostra si articola quest’anno in tre periodi espositivi; dopo il primo step presso la Galleria di Trastevere, le opere dei 52 artisti approdano allo Showroom EPM per due settimane a luglio e successivamente torneranno a Spazio 40 per tutto il mese di agosto.

Il testo di presentazione che accompagna la Mostra è stato scritto da Simona Albani, Presidente di Progetti Smarriti.

I “PICCOLINI” DI ROMA

È giunta alla IV edizione la mostra del piccolo formato dedicata a Roma; come per le passate edizioni, la città eterna viene riproposta al pubblico attraverso l’utilizzo di un piccolo spazio creativo.

Vista l’ampiezza del tema e la libertà nella scelta delle tecniche da utilizzare, la risposta è stata varia e immediata. Roma è la “grande bellezza” dei film d’autore, con le sue icone immortali, è l’ intricata mappa delle periferie, il fascino delle fabbriche abbandonate su cui erigere musei, la città dei muri graffiati, dei murales e dell’arte di strada.

Arduo ma non impossibile il compito di raccontarla; semplice immaginarla e affascinante provare a interpretarla. La Roma è dei romani e del turista che la vede e si innamora, di chi cammina distratto e di chi invece viene a trovarla da lontano. In cento centimetri quadrati è racchiusa l’essenza o l’assenza della città, l’amore che ci lega ma anche il senso di sospensione che a volte si prova quando Roma si arrende all’ ozio dell’estate, piuttosto che alla pioggia dell’autunno. La tela è uno spunto su cui scrivere una, cento storie; pochi centimetri per dare spazio alle stagioni e ai colori del cielo al tramonto.

Sui ponti e sulle rive del Tevere è un brulicare di gente e di emozioni, lontano dal caos solo la notte tarda in cui rannicchiarsi e sognare un nuovo giorno. Una mostra che vuole essere una dichiarazione d’amore e un omaggio che va oltre la tradizione.

SIMONA ALBANI

COMMENTI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Utilizza, anche cookie di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookie Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi