Eravamo io ed un castagno.

Ognuno con i propri ricci sulla chioma.

Lui più legato alle radici, io più volubile, ma entrambi con spine, così pungenti da ferire le dita più curiose.

Eravamo io ed un castagno, a proteggere con gli aculei il frutto delle nostre longeve esistenze.

Lui perdeva le foglie, io sempre con la paura di perdere tempo

Aspettavamo …

Eravamo io ed un castagno,

così robusti e forti che il vento d’autunno poteva spogliarci ma non abbatterci.

foto e testo di Nicla Gadaleta

Articoli simili
comments0 td_mvc200

comments0 td_mvc342

COMMENTI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Utilizza, anche cookie di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookie Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi