Le Scuderie del Quirinale celebrano Pablo Picasso con una grande mostra dal titolo “Pablo Picasso. Tra Cubismo e Neoclassicismo: 1915-1925″ (dal 22 settembre al 21 gennaio 2018) che si inserisce nel progetto Picasso Méditérranée del Musée National Picasso – Paris.

 È il febbraio del 1917 e in Europa infuria la Grande Guerra. Pablo Picasso, che ha solo 36 anni ma è già il grande pittore che ha guidato la rivoluzione cubista, arriva per la prima volta in Italia.  A cento anni da quel viaggio che segnò tanto la sua arte quanto la sua vita privata le Scuderie del Quirinale celebrano Pablo Picasso con una grande mostra che conclude le manifestazioni, aperte a primavera, dedicate al gran tour dell’artista spagnolo nel nostro paese.

picassodora-485x590-247x300 picassoscuderie0 picassoscuderie1

Un viaggio espositivo fra un centinaio di capolavori scelti dal curatore Olivier Berggruen, in collaborazione con Anunciata von Liechtenstein, e con prestiti di musei e collezioni eccellenti avuti da grandi musei di tutto il mondo. L’esposizione illustrerà gli esperimenti condotti da Picasso con diversi stili e generi: dal gioco delle superfici decorative nei collage, eseguiti durante la prima guerra mondiale, al realismo stilizzato degli “anni Diaghilev”, dalla natura morta al ritratto. A Palazzo Barberin poi, nel grandioso salone affrescato da Pietro da Cortona, verrà esposto, per la prima volta a Roma, il sipario dipinto per Parade, una immensa tela lunga 17 metri e alta 11. L’architettura di Bernini sarà la cornice per un emozionante dialogo tra l’opera di Picasso e il grande affresco barocco.

Fonte – Maggiori info su costi e orari visita il sito uff.: https://www.scuderiequirinale.it/

COMMENTI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Utilizza, anche cookie di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookie Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi