Si intitola “Trame d’assenza” la prima silloge poetica dell’esordiente tranese Davide Uria, pubblicata da AUGH! Edizioni. Classe 1987 e laureato presso l’Accademia delle Belle Arti di Bari, Davide fa della sua città natale, Trani, il luogo di riferimento per la sua evoluzione poetica. La sua carriera poetica inizia nel 2005 quando si aggiudica il terzo posto al Concorso Nazionale di Poesia: da quel momento in poi è tutto un percorso in salita che lo vede protagonista in importanti progetti, ospitate e collaborazioni.

L’autore parlando del suo progetto, ha spiegato che l’assenza di qualcosa o di qualcuno ci spinge a riflettere e ci porta inevitabilmente a concentrarci su ciò che abbiamo, su quello che ci resta, noi stessi.
L’assenza è divenuto il concetto chiave su cui lavorare, perché l’assenza crea un vuoto, una mancanza, non per forza intesa in termini negativi, piuttosto uno spazio libero da riempire.
L’assenza è uno luogo bianco, vuoto. Uno spazio asettico, in cui perdersi per poi ritrovarsi, rinnovati e forse un po’ più forti di prima. E’ l’attesa e insieme la consapevolezza di una perdita, è il luogo di transito da una condizione a un’altra. E’ silenzio che arriva sempre dopo la fine.

www.davideuria.ml

COMMENTI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Utilizza, anche cookie di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookie Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi