La moderna fitoterapia attribuisce al Melograno diverse proprietà benefiche che possono essere ricondotte alla presenza nel frutto di sostanze polifenoliche, soprattutto acido ellagico, che ha  un’azione preventiva contro l’insorgenza di affezioni vascolari. I polifenoli sono sostanze antiossidanti che, consumati regolarmente, forniscono una protezione contro le degenerazioni dell’apparato vascolare, provocate dalle ossidazioni che portano alla formazione di radicali liberi.

Il succo di Melagrana è particolarmente ricco di polifenoli, considerati sostanze scavenger (spazzine) che contrastano l’ossidazione dei lipidi (perossidazione delle lipoproteine a bassa densità LDL, che può portare a degenerazioni aterosclerotiche) e l’azione dannosa dei radicali liberi, in misura superiore anche a quella del vino rosso; in particolare si segnala la presenza di acido ellagico e gallico, ma anche di sali minerali (quali calcio, ferro, magnesio, fosforo, potassio, rame, zolfo) e di vitamine, acidi organici e zuccheri.
Alcuni studi hanno messo in evidenza che la Melagrana esercita anche un’attività gastroprotettiva. Nei semi della Melagrana sono presenti alcuni fitoestrogeni, oltre ad acido oleico e linoleico, indispensabili acidi grassi essenziali.

Gli antiossidanti sono noti per combattere i radicali liberi nell’organismo e per prevenirne la formazione. Si ritiene che possano svolgere un ruolo importante contro lo sviluppo del Parkinson, dell’ Alzheimer, del cancro e di altre patologie legate all’invecchiamento, come l’artrite, le malattie cardiache e l’invecchiamento prematuro.

Dopo aver appreso tutto ciò, via libera al succo di melograno e a tutto quello che fa bene al nostro organismo ! 🙂

Total
93
Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*